Ginja è come dire Lisbona

Blog giovedì, febbraio 1, 2018

La storia e la cultura del bere Ginja, o Ginjinha, questo liquore dolce e speziato a base di succose amarene portoghesi, brandy e zucchero, va di paripasso con la storia di Lisbona dell'ultimo secolo.

In tutti i bar del Portogallo, e soprattutto a Lisbona, puoi trovare un bicchiere di ginja, ma se dovessi raccontarti dove trovare la Lisbona più autentica e più vera, dove fare un'esperienza davvero tipica, ti direi subito di entrare nelle storiche botteghe dove si vende solo Ginjinha e dove da generazioni si serve in piccoli cicchetti, spesso in cioccolato fondente, agli avventori locali ed ai turisti da tutto il mondo.
Questi piccolissimi bar sono un concentrato di tradizioni e pesia, dove la vita scorre autentica con i volti più caratteristici. Dunque, un passaggio per luoghi come, per esempio, Ginjinha Espinheira, fondato nel 1840 dal galiziano Francisco Espinheira, in Largo de São Domingos, è d'obbligo per farsi incantare dalla vita e dai sapori della città. L'aspetto di questo liquore risale a tempi antichi e immemori. Si dice che abbia avuto origine da una ricetta di monaci, usata nelle pratiche medicinali, come era comune all'epoca. Il processo di produzione consisterebbe nell'infusione della frutta nel brandy, e se inizialmente era bevuta solo dalle classi più ricche, più tardi, il suo consumo fu democratizzato e reso popolare tra poeti, fadisti e marinai ...


alcune immagini che abbiamo selezionato da instagram! :-)

"Signora con Ginja" foto di Chiara Amato

Perdersi nei vicoli e tra le scalinate di Lisbona è qualcosa di indelebile. Perché? Chi ci è stato lo sa. Un'esperienza che esalta i sensi e dalle emozioni intense, per la bellezza della sua storia, le architetture, i colori, la semplicità e l'accoglienza della sua gente. Specie in quartieri storici, come Alfama, dove si viene accolti da un tappeto ondeggiante di panni stesi, e signore di una certa età sull'uscio delle porte o affacciate alla finestra, la janela, mentre da qualche vecchia casa ancora orgogliosamente fuoriesce il suono della voce della celeberrima ed amata Amalia Rodriguez. Lisbona è una metropoli in continuo fermento, antichità e nuovi assetti urbani si mescolano, ricchissima di spunti culturali, e culla di giovani e vivaci creativi da tutto il mondo. Con Pedro ci torniamo appena possiamo, costatando che diventa sempre più bella ogni volta.



Imparare a conoscerla, magari prima della vostra vacanza, attraverso un sorso di ottima ginja, ci sembra un'idea davvero originale, ancora più bello se già la conoscete ed amate e volete condividerne un ricordo intenso a cena con i vostri amici.

Quindi, in una delle nostre visite, tra sapori di squisiti distillati, baccalà, lunghe passeggiate e la scoperta di nuovi spazi in città, siamo felici di aver selezionato ed importato in Italia una gingja super davvero! In mezzo ad una vasta scelta, la GINJA LISBOA è realizzata con una selezione di ciliegie di alta qualità, che hanno reso questo marchio tra i più ricercati, per non parlare della bellezza delle bottiglie e del progetto visuale, che colpisce per la freschezza, i colori ed i soggetti.
In pratica nelle illustrazioni dell'etichetta e del bellissimo astuccio, compaiono tutti i personaggi simbolo della città ed il suo bagaglio storico ed artistico, in un racconto che dentro e fuori raccoglie l'essenza di questa terra.

Gingja Lisboa è stata promossa a pieni voti non solo da noi, che abbiamo deciso di importarla in modo esclusivo in Italia, ma è entrata di recente sugli scaffali e le vetrine della pasticceria Pastéis de Belém, la più celebre e storica della città, a due passi dal Monastero dos Jerónimos, e dove dal 1837 si sfornano più di 15.000 pastéis ( tipici e buonissimi dolci in pasta sfoglia e crema pasticcera) al giorno. Un luogo conviviale e lastricato di azulejos tradizionali, da cui nel tempo sono passati i migliori artisti e intellettuali della città, e che ovviamente rientra nelle tappe più autentiche da toccare e scoprire a Lisbona.

Ed ecco la gingja felicemente accostata a tipici dolci salentini nella nostra enoteca

Come sempre, ci piace raccontarvi della terra portoghese e dei prodotti che più ci appassionano e che vogliamo far conoscere ed apprezzare sempre di più anche in Italia. Importare distillati è per noi una filosofia, siamo una piccola realtà che fa ogni cose con sentimento e passione ed offriamo consigli e consulenze costante ai clienti che scelgono i nostri prodotti, sia on line da tutta Italia, che nella nostra enoteca salentina. Info: https://www.lisboavini.it/it/36-ginja


Alla prossima con altre storie e consigli sul Portogallo!
Grazia

Commenti

Lascia il tuo commento